Benedizione spirituale

Frans Stiene Articles, Italiano Leave a Comment

Il metodo segreto per invitare la felicità attraverso molte benedizioni
La medicina spirituale per tutte le malattie
Solo per oggi:
Non ti arrabbiare
Non ti preoccupare
Sii grato
Sii fedele al tuo cammino e alla tua vera natura
Sii compassionevole con te stesso e gli altri

Molti praticanti e insegnanti credono che le benedizioni di cui parla Mikao Usui in questa affermazione si riferiscono al Reiju/Sintonizzazione/Iniziazione. Ma non è così.
Se esaminiamo in profondità l’intera affermazione, non ci troviamo affatto nel concetto di Reiju/Sintonizzazione/Iniziazione; piuttosto in uno stato mentale specifico. Uno stato d’animo senza rabbia, senza preoccupazione, di gratitudine, di essere fedele al nostro cammino e al nostro vero sé, e di essere compassionevole con noi stessi e gli altri.
La vera benedizione di cui parla Mikao Usui è integrare questo stato mentale nel nostro cuore tutto il giorno; questa è la benedizione!
Pensaci.
Non sarebbe una benedizione se non dovessimo più arrabbiarci e se non dovessimo avere a che fare con persone arrabbiate?
Non sarebbe una benedizione se non dovessimo più preoccuparci e avere paura e se non dovessimo avere a che fare con persone preoccupate e piene di paure?
Non sarebbe una benedizione se potessimo essere grati per tutto ciò che arriva nella nostra vita, qualunque cosa sia?
Non sarebbe una benedizione se potessimo vivere una vita essendo fedeli al nostro cammino e al nostro vero sé e non al modo di un’altra persona?
Non sarebbe una benedizione se possiamo essere compassionevoli continuamente con noi stessi e gli altri e che le altre persone siano compassionevoli con noi e con loro stessi?
Questo tipo di benedizioni sono anche autoindotte, ovvero che ci sentiamo forti e potenziati dall’interno. Provengono dalla nostra pratica personale quando meditiamo sui Principi, quando meditiamo durante il trattamento, quando meditiamo sui Simboli e sui Mantra, quando pratichiamo le tecniche di meditazione come Joshin Kokyu Ho e quando siamo in uno stato meditativo mentre pratichiamo Reiju/Sintonizzazione/Iniziazione.
Se pensiamo che la benedizione di cui parla Mikao Usui sia il Reiju/Sintonizzazione/Iniziazione stesso, allora stiamo sempre facendo affidamento su una fonte esterna, l’insegnante che lo esegue. Questo crea uno stato di dipendenza e non rafforza. Poiché non possiamo stare con l’insegnante 24 ore su 24, 7 giorni su 7, l’insegnante è lì per aiutarci a potenziare noi stessi in modo da poter sentire queste benedizioni interne – uno stato d’animo senza rabbia, nessuna preoccupazione, gratitudine, essere fedeli al nostro cammino ed al nostro vero sè, ed essere compassionevoli, per tutto il giorno e tutta la notte.
Quindi approfondisci il cuore del sistema Reiki e senti la benedizione nell’integrare i Principi nella tua vita quotidiana, senti queste benedizioni piovere continuamente su di te.

E naturalmente è lì che ha inizio la guarigione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *